Un corso di inglese per bar? Why not!

(tempo di lettura: 2 minuti)

Good afternoon. Do you want to order, or do you need a menu?
I’d like to see a menu, please
Certainly, here you are.
Thank you. What’s the dish of the day?
It’s vegetable soup.
That sounds good. I’ll have that.
What would you like to drink?
A glass of wine, please (…)

Non siamo impazziti, ti abbiamo solo riportato l’inizio di un’ipotetica conversazione inglese molto basica tra cameriere e cliente. Nonostante la sua semplicità, non tutti sarebbero in grado di sostenerla, proprio perché spesso ci si limita a studiare l’inglese soltanto a scuola, senza tenerlo allenato nel corso degli anni.

Parlare una lingua straniera è come andare in bicicletta: se non ci si allena il meccanismo si arrugginisce e si fa una grande fatica a ritornare in pista.

Qualche passetto indietro

L’inglese è diventata una competenza minima richiesta per qualsiasi offerta di lavoro, anche nel settore Horeca. A maggior ragione, se si cerca lavoro in un grosso centro turistico, le lingue straniere diventano fondamentali e lo stesso vale per grandi centri commerciali, catene food & beverage di carattere internazionale e così via.

Ma perché in Italia è così difficile e l’inglese non è molto diffuso? È stato dimostrato che il nostro Paese vive un vero e proprio gap culturale rispetto ad altri Paesi europei. Una recente statistica a cura di Education First EPI ha verificato il livello medio di conoscenza della lingua inglese in 26 Stati europei: l’Italia è risultata in ventunesima posizione, poco superiore a Francia, Russia, Ucraina, Turchia e Azerbaijan.

Questa grande differenza con gli altri Paesi europei esiste anche e soprattutto perché il nostro Paese ha riconosciuto l’inglese come lingua universale solo da pochi decenni. Insomma, non è da molto che questa importante lingua straniera viene insegnata come materia dell’obbligo, sin dalle scuole elementari. Questo riconoscimento tardivo ha certamente svantaggiato l’Italia rispetto ad altri Stati europei che parlano inglese come la loro lingua madre e non hanno nessun problema nel sostenere conversazioni in lingua.

Ad ogni modo, nonostante l’inglese venga insegnato a scuola, se non viene poi utilizzato si arrugginisce. Per questo è importante fare periodi di studio all’estero o corsi verticalizzati sul proprio settore di appartenenza (certamente meno costosi delle vacanze studio).

Inglese per bar: perché è importante

Per quanto riguarda le strutture come bar, ristoranti e pub, oggi è diventato fondamentale conoscere la lingua inglese, sia per aggiornarsi su nuovi cocktail all’avanguardia, sia per comunicare con quei clienti che non conoscono la nostra lingua, siano essi turisti o persone nate all’estero.

Spesso, gli aggiornamenti per bartender sono in lingua inglese perché è proprio dall’estero che vengono importate le maggiori tendenze e sappiamo perfettamente quanto sia importante continuare a formarsi per offrire servizi sempre migliori ed in linea con il mercato, oltre che per differenziarsi dai competitor di zona. Inoltre, la percentuale dei nati all’estero e residenti in Italia è in aumento, come il turismo che vede protagonista il nostro Paese.

Do you speak english?

Conoscere la lingua inglese è un grandissimo vantaggio e ti permetterà di arrivare dove i tuoi competitor di zona non arrivano. I dati ISTAT dimostrano che se nel 2002 erano 1.341.209 i cittadini stranieri residenti in Italia, nel 2017 sono aumentati a 5.047.028 ed è quasi certo che qualcuno di loro prima o poi entrerà nel tuo locale.

Poiché parliamo di una popolazione totale di circa 60 milioni di persone, sapere che oltre 5 milioni sono nate all’estero, ci fa comprendere quanto sia di fondamentale importanza adeguarci agli altri Paesi dell’UE, dove l’inglese viene parlato in maniera del tutto naturale, essendo considerato la seconda lingua ufficiale. Soprattutto nel settore Horeca è fondamentale rispondere alle esigenze del pubblico, anche grazie ad aggiornamenti costanti e servizi sempre distintivi.

Inoltre, se il tuo bar si trova in una grande città come Milano o Roma o comunque in una zona ad alta pedonalità turistica, è certo che saranno molti gli avventori a passare nel tuo locale per un drink o un panino rifocillante. Perché non offrire un servizio migliore di tutti gli altri grazie alla conoscenza della lingua inglese?

English for Bartenders: il corso online che fa per te

English for Bartenders è il corso online realizzato e distribuito da Accademia Tecniche Nuove, a cura della redazione di Bargiornale. Il corso, altamente interattivo, prevede diverse tipologie di materiali didattici: testi, immagini, audio, video, animazioni e molto altro.

Il nostro corso è del tutto specifico per il settore Bar e permetterà ai partecipanti di apprendere le basi della lingua inglese, con fraseologia e termini corretti per comunicare in lingua con i tuoi clienti. Grazie ad English for Bartenders potrai acquisire vocaboli tecnici specifici per:

  • Dialogare con i tuoi clienti stranieri o turisti, in lingua inglese;
  • Comprendere le principali richieste e problemi che possono succedere all’interno di un locale;
  • Dare indicazioni e consigli di varia natura relativamente a piatti e/o bevande;
  • Dare informazioni di varia natura alla clientela.

Infine, ma non certo per importanza, parlare inglese correttamente è di fondamentale importanza per sviluppare nuove opportunità professionali. Cosa aspetti a leggere il programma completo di English for Bartenders?

Chi è l’autore dell’articolo

Curiosa e con la voglia di stare sempre sul pezzo. Mi occupo di SEO copywriting, Content e Social media management e formazione dedicata alla comunicazione digitale, sia per PMI che per enti non-profit. Citando una tra le mie canzoni preferite, vivo di sogni e di idee.