Gestione del personale: come trovare il dipendente perfetto per il tuo bar

(tempo di lettura: 3 minuti)

Oggi vogliamo parlarti di gestione del personale bar, nello specifico, di come trovare il dipendente perfetto per il tuo locale. In quanto titolare della tua attività devi pensare in ottica manageriale e si sa, il compito di un buon manager è quello di avvalersi di collaboratori fidati e in grado di aiutare realmente nell’impresa di crescita aziendale.

Il tuo dipendente perfetto, quindi, non dovrà essere solo un mostro sacro nella preparazione di cocktail o cappuccini (in base alla tipologia del tuo bar) ma dovrà avere altre caratteristiche fondamentali in grado di fare la differenza in un settore estremamente competitivo. Un buon titolare o dirigente deve essere in grado di scoprire nuovi talenti e non si deve soltanto limitare a dare un’occhiata veloce ai Curriculum vitae arrivati durante una particolare ricerca. Il lavoro di procacciatore di talenti deve essere fatto 365 giorni l’anno. Non ci credi? Oggi ti spieghiamo come trovare dipendenti per il tuo bar in linea con le tue esigenze.

 

Gestione del personale bar: cosa cercano i nuovi talenti

 

Quello che, erroneamente, si pensa è che i nuovi talenti vogliano necessariamente fare carriera nelle grandi multinazionali, con tutti i benefit e i contro (perché ce ne sono) del caso. In realtà non è così: molti giovani vogliono fare la differenza nelle aziende di piccole dimensioni a livello locale, mettendo al servizio dei titolari le proprie competenze e capacità. Essere dipendente di un bar non significa soltanto saper far bene uno spritz e sorridere alla clientela. Dietro al lavoro di barman c’è molto di più e, nelle piccole aziende, è una figura che diventa parte integrante della “famiglia lavorativa” e può aiutare nelle decisioni strategiche mettendosi in gioco quotidianamente.

Le esigenze dei nuovi talenti sono cambiate nel corso degli anni, di generazione in generazione e, ad oggi, i cosiddetti Millennials cercano un impiego che offra sì uno stipendio buono e dei piccoli benefit aziendali ma che sia stimolante per la crescita professionale e che permetta di conciliare la vita professionale a quella personale.

Questa loro esigenza ci fa comprendere che, per la ricerca di personale per bar è necessario cambiare la vision: non bisogna più solo cercare un semplice barman dalla mano esperta, ma un aiuto manager in grado di mettere a disposizione le sue competenze per incrementare il percorso di crescita aziendale.

Una recente ricerca condotta da Edenred, in collaborazione con The European House Ambrosetti ha dimostrato che:

  • Il 66,5% dei giovani talenti vorrebbe dei riconoscimenti per obiettivi raggiunti, da integrare allo stipendio base;
  • Il 60% desidera accedere a percorsi formativi per migliorare le competenze e acquisirne di nuove;
  • Il 55,1% pensa sia fondamentale conciliare la vita professionale con quella lavorativa.

Insomma, se desideri un talento che ti aiuti nella crescita devi tener conto delle sue esigenze e delle sue richieste, per questo devi capire come trovare il dipendente giusto per te: quello sul quale valga la pena investire.

 

Trovare il dipendente perfetto

 

Come dicevamo poco sopra, per trovare il dipendente perfetto che sia un giovane talento è necessario investire sulla sua figura professionale, per questo bisogna ridurre il margine di errore nella scelta del candidato. Gli errori di valutazione sono sempre dietro l’angolo, non tanto perché un buon manager non sia in grado di riconoscere la figura professionale che gli si presenta davanti, ma quanto perché non è raro lasciarsi ingannare dal solo Curriculum.

Contornarsi di persone giuste per la propria attività è la chiave, per questo è necessario avere dipendenti soddisfatti nel lungo periodo.

Ma, oltre l’idoneità alla mansione, quali sono i fattori che possono aiutare nella scelta di un dipendente in fase di colloquio? Eccoli di seguito:

  • La motivazione che ha nell’ottenere il posto di lavoro offerto. Perché si è candidato? Se noti che di fronte hai una persona che si è rivolta a te per ottenere un lavoro come un altro, difficilmente porterà valore differenziale alla tua attività;
  • Spirito di iniziativa, importante per le piccole imprese dove c’è necessità di spiccare;
  • Umiltà e desiderio di formarsi su argomenti sempre nuovi (mixology, colazione, management e così via);
  • Capacità di adattamento alla cultura aziendale, perché va bene lo spirito di iniziativa, ma il candidato ideale deve anche essere in grado di adeguarsi a quanto deciso in precedenza, senza imporre le sue idee in maniera arrogante;
  • Capacità di lavorare in team, qualità che TUTTI scrivono sul Curriculum ma che pochi hanno realmente;
  • Ottime doti di comunicazione con i clienti e con gli altri membri della squadra.

 

Un colloquio è sufficiente?

 

Ovviamente un solo colloquio non è sufficiente per valutare se il candidato è quello giusto per te. Per una giusta gestione del personale bar è d’obbligo vedere più volte i potenziali dipendenti e creare delle scremature fino ad arrivare con una rosa di 2 o 3 candidati da provare sul campo. Ricorda che un nuovo talento per il tuo bar è un investimento per la crescita dell’attività, per questo è necessario metterci impegno e dedizione.

Trovare la persona giusta a cui affidare parte del tuo lavoro non è semplice e richiede tempo che verrà certamente ripagato dai risultati ottenuti.

 

Vuoi saperne di più sulla gestione del personale bar?

 

Sei riuscito a trovare il tuo candidato ideale e vuoi capire come gestirlo al meglio? Il nostro corso di Bar Management ha un modulo dedicato alle risorse umane e tocca tutti gli aspetti legislativi, contrattuali e di gestione del personale bar per ottenere un’organizzazione efficace. Ricorda:

Le persone sono il centro di una qualsiasi attività.

Se le persone che lavorano per te sono dei giovani talenti, anche il tuo fatturato te lo racconterà nel tempo.


Iscriviti al corso di Bar Management per ottenere benefici per il tuo locale!

Chi è l’autore dell’articolo

Curiosa e con la voglia di stare sempre sul pezzo. Mi occupo di SEO copywriting, Content e Social media management e formazione dedicata alla comunicazione digitale, sia per PMI che per enti non-profit. Citando una tra le mie canzoni preferite, vivo di sogni e di idee.

Informazioni sui corsi?