Accoglienza clienti: come rendere il tuo bar accattivante

(tempo di lettura: 3 minuti)

Quando si parla di accoglienza clienti, la prima cosa alla quale si pensa è il saluto e la richiesta di soddisfare il desiderio da parte del barista di turno al momento dell’entrata del cliente. In realtà esistono molti dettagli che possono aiutare l’accoglienza clienti in un bar, molti dei quali non sono incentrati sulle persone ma sull’aspetto del locale stesso.

Un buon manager di un locale deve conoscere tutti i trucchetti del mestiere per far sentire il cliente desiderato e ben voluto.

Un bar non è un semplice luogo di passaggio dove fermarsi a bere un caffè prima di rientrare in ufficio o dove bere un aperitivo al volo con gli amici: il bar è un posto dove il cliente desidera sentirsi come a casa.

Quando un cliente viene nel vostro locale per bere un caffè o una cioccolata calda, non significa che a casa non ha gli strumenti per farlo, anzi, significa che desidera venire nel tuo locale, pagando per un prodotto che potrebbe avere a minor prezzo comodamente seduto sul proprio divano di casa. Invece no, esce a piedi o prende la macchina per raggiungere il tuo bar, preferendo il tuo servizio a quello ben più comodo casalingo.

Accoglienza clienti bar: perché è importante

Proprio per quanto detto sopra, ovvero che il cliente preferisce il tuo servizio a quello che potrebbe avere ad un costo inferiore e comodamente da casa, devi trovare il modo migliore per accoglierlo nel tuo locale.

Un cliente è una risorsa importante e, allo stesso tempo, un investimento.

Cosa significa? Che è sì vero che il cliente porta guadagno ma è altrettanto vero che bisogna fidelizzarlo per far sì che ti preferisca ad altri locali e questo richiede un investimento costante.

L’accoglienza clienti è il primo passo per la fidelizzazione dei clienti.

Facciamo un esempio pratico: tu vorresti continuare a frequentare un locale dopo che sei entrato la prima volta e hai trovato un barista scocciato dalla tua presenza? Oppure ti piacerebbe frequentare un locale che non ti offre un servizio pari alle tue aspettative? Io non credo, per questo motivo l’accoglienza clienti è un importante investimento: sia in termini di personale che in termini di servizio.

Come migliorare l’accoglienza clienti del tuo bar

La prima cosa da fare è certamente quella di trovare dei dipendenti che siano all’altezza delle tue aspettative, fedeli e competenti nel loro mestiere (per approfondire: Gestione del personale: come trovare il dipendente perfetto per il tuo bar). Affidarsi ai soli dipendenti, però, non è sufficiente, per questo hai bisogno di capire come rendere accattivante il tuo bar per la tua potenziale clientela.

Hai mai sentito parlare di buyer personas? È un termine molto utilizzato in campo marketing e sta a significare cliente ideale. Quando hai aperto il tuo bar lo hai fatto sicuramente con l’idea di rivolgerti ad un determinato tipo di clientela e ti sarai sicuramente mosso di conseguenza, sia per l’arredamento che per i prodotti e servizi offerti.

La clientela di un bar è certo variegata e molti sono semplici avventori di passaggio.

Da quando hai aperto fino a questo momento, ti sei mai fermato ad osservare se realmente i tuoi clienti rispettano le aspettative che avevi in fase di apertura?

Ad esempio, durante la giornata quante sono le persone che entrano per un caffè, quante per un aperitivo, quante per una birra? Quanti anni hanno in media i tuoi clienti? Sono più donne o uomini? Che tipo di lavoro fanno?

Delineare i tuoi clienti tipo per accoglierli nella maniera migliore

Tutte queste domande ti serviranno per capire chi sono i tuoi clienti tipo, aggiustare i servizi offerti secondo le loro esigenze e provare a raggiungerli con delle strategie sui social network (per approfondire: Le quattro idee per trovare clienti su internet per il tuo bar… con Facebook).

Se i tuoi clienti tipo sono più interessati al caffè è logico inserire nel menù diverse qualità, magari collaborando con la torrefazione di zona per offrire un servizio superiore ai concorrenti. Stessa cosa per le birre: se la tua clientela viene nel tuo locale per bersi la classica birretta dopo il lavoro, offri loro l’elemento differenziale proponendo qualcosa che difficilmente si trova in zona. E ancora, se noti che ci sono molte famiglie che frequentano il tuo locale, perché non adibire degli spazi idonei per far sì che i bimbi sfoghino la loro creatività e fantasia? A volte basta poco: libri, disegni e colori, per buona pace dei genitori che potranno ritagliarsi qualche minuto per sé. Infine, se dall’esame del tuo cliente tipo noti che ci sono molti uomini e molte donne visibilmente in carriera, perché non attrezzare un piccolo co-working?

Come vedi, accoglienza clienti non significa solo sorridere e fare un buon caffè ma vuol dire anche, e soprattutto, trovare il modo di offrirgli quello che si aspettano dal tuo bar, apportando delle migliorie per incontrare a pieno le loro esigenze.

Vuoi imparare i trucchi dell’accoglienza clienti per il tuo bar?

Per imparare come accogliere meglio i tuoi clienti e come fidelizzarli, scopri il nostro corso di Bar Management dove ti spiegheremo come fare impresa e gestire al meglio tutti gli aspetti economici, finanziari e relazionali di un’attività del settore Ho.re.ca.

Chi è l’autore dell’articolo

Curiosa e con la voglia di stare sempre sul pezzo. Mi occupo di SEO copywriting, Content e Social media management e formazione dedicata alla comunicazione digitale, sia per PMI che per enti non-profit. Citando una tra le mie canzoni preferite, vivo di sogni e di idee.

Informazioni sui corsi?